HOME PAGE

itinerari tematici

sei in: home > Luoghi  > Amandola

AMANDOLA



Nel periodo che va dal 568 al 570 Amandola fu invasa dai Goti e poi dai Longobardi. Nel 700 fu incorporata nel Ducato di Spoleto,successivamente diviso nelle grandi marche di Camerino e di Fermo. I ripetuti interventi dei Franchi e la donazione di molti terreni alla Chiesa da parte del re Pipino determinarono la divisone del Ducato di Spoleto. Nel 1249, dall'unione dei feudi Agello, Castel Leone e Marrubbione, si costituì il Comune di Amandola racchiuso in una cinta muraria perimetrale di 2230 metri con 5 porte: Agello, S.Giacomo (l'unica ancora esistente), Marrubbione, S.Antonio e Putei. Le piazze pubbliche erano tre: la platea Animalium, usata per le fiere del bestiame, la platea Magna, luogo dove si tenevano le assemblee popolari e i festeggiamenti, la platea Vallelonga, antica piazza del mercato.Alla fine del XVI secolo vennero stipulati importanti accordi tra Amandola e i comuni circostanti per la definizione dei confini. Nel 1798 Amandola subì l'impatto delle forze napoleoniche e, a causa di un tentativo di resistenza, affrontò un saccheggio conclusosi con la profanazione del sarcofago del Beato Antonio. Solo nel 1800 terminò l'occupazione francese e venne ripristinato il governo pontificio. Durante la seconda guerra mondiale Angelo Biondi venne fucilato nella piazza principale. Nel marzo del 1944 le truppe tedesche ingaggiarono un breve conflitto con i partigiani il quale terminò con la fucilazione di 10 uomini.


MONUMENTI, CHIESE E MUSEI

Abbazia dei Ss.Vincenzo e Anastasio (s.XI, Loc.Abbadia)


Abbazia dei Ss.Ruffino e Vitale (s.XIII, Loc.San Ruffino)


Chiesa di S.Agostino, Santuario del Beato Antonio (s.XIV, P.zza Risorgimento);


Chiesa di S.Bernardino e Convento dei Cappuccini (s.XV, Colle Marrubbione);


Chiesa di S.Francesco con annesso chiostro ed oratorio del Ss.Rosario (s.XIII, Piazzale Leopardi);


Chiesa di S.Maria della Misericordia a piè d’Agello (s.XV, Loc.S.Maria);


Chiesa di S.Pietro e Monastero di S.Lorenzo (s.XIII, Agello);


Chiesa della Ss.Trinità (s.XIII, Agello);


Torrione del Podestà (s.XIV, P.zza Umberto I o Piazza Alta)

Ponte Romanico Gotico sul Tenna (s.XV)