HOME PAGE

itinerari tematici

sei in: home > Luoghi  > Montegiorgio

MONTEGIORGIO



Le sue origini sono da far risalire all’età preistorica, in quella romana faceva parte del territorio compreso nella centuriazione che interessò la città di Falerio Picenus. La sua struttura urbana risale al Medioevo quando a partire dall’ XI sec. vi si stabilirono i monaci benedettini che accolsero i primi abitanti intorno alla Chiesa di S. Maria Grande (attuale S. Francesco) e al convento di S. Maria in Georgio (da qui il suo nome). Con il passare del tempo floridezza economica ed incremento demografico portarono il paese ad essere cinto da mura (1099); la fortificazione segnò il primo passo verso l’autonomia avvenuta nel 1199. Nonostante l’appartenenza alla lega fermana, Montegiorgio si schierò con l’Imperatore Federico II che per mezzo di un suo legato ricompensò il paese concedendo l’indipendenza da Fermo che durò fino al 1244. Il XIV sec.  lo vede insieme a Fermo coinvolto nelle lotte tra Impero e Stato Pontificio. Nel 1797 un violento incendio distrusse parte dell’abitato. La città per pochissimo tempo fu sotto Gioacchino Murat, poi sotto gli austriaci e tornò infine a Pio IX entrando a far parte nel 1860 del Regno d’Italia. Nel 1900 annette il territorio di Alteta fino ad allora comune autonomo.


MONUMENTI, CHIESE E MUSEI

Chiesa di San Francesco,  con portale di pietra d’Istria del 1325 ospita il Museo della Civiltà Contadina e conserva una cappella con pitture della prima metà del ‘400, che narrano “Il ritrovamento della Vera Croce”.


Portale del ‘300, è quanto rimane della Chiesa di S. Salvatore, ha una originalità: le mani che reggono le mensole laterali con colonnine.Teatro Alaleona, piccolo gioiello dell’arte neoclassica, costruito alla fine dell’800 sull’area del Palazzo Civico.