HOME PAGE

itinerari tematici

sei in: home > Luoghi  > Ortezzano

ORTEZZANO



Sulle origini del nome di Ortezzano si fanno varie ipotesi: la tesi più accreditata è quella che possa trattarsi della città di Urticinum (fortezza) citata da Plinio nella “Naturalis Historia”. Il paese presenta tracce romane in contrada Cisterna e Prato; i Farfensi hanno avuto numerosi insediamenti nel territorio in Contrada San Massimo e Castelletta. Ha subito numerose vicissitudini nel periodo dei Comuni col Malatesta, col Battistello di Ascoli, con lo Sforza di Milano e con il Lautrek che lo prese d’assalto e lo distrusse completamente. Sulle rovine i cittadini eressero un piccolo castello di cui rimangono tuttora tracce.

MONUMENTI, CHIESE E MUSEI

Resti del Castello sorto attorno ad una torre di vedetta (IX sec.), sono: la  torre ghibellina, le mura quattrocentesche, i portali e le volte in stile gotico.

Chiesa del Carmine, realizzata dai fratelli Papetti nel Settecento, conserva xilografie del Ceschini e una tela marattesca.

Chiesa di San Girolamo, è la chiesa parrocchiale ricostruita nel 1773, conserva sopra una porta laterale il più antico stemma del paese.

Chiesa di Santa Maria del Soccorso, in piazza. Di origine farfense, fu ricostruita verso il 1450 a croce greca e nel 1759 fu eretto il campanile.  Custodisce il primo dipinto su tavola di Vincenzo Pagani (1509), una Via Crucis di scuola romana e un frammento di affresco del ‘400.

Cisterna, primo insediamento piceno, è una contrada dove rimangono una fonte, delle mura e una chiesetta.